Nuovo progetto per la digitalizzazione tra USI, SUPSI e Università di Lucerna

Servizio comunicazione istituzionale

26 Febbraio 2021

Sviluppare offerte mirate per promuovere le competenze digitali. È questo l’obiettivo del progetto “Le università come comunità di apprendimento. Il percorso verso la trasformazione digitale”, finanziato dalla Conferenza dei Rettori delle Università svizzere, che vede l’Università della Svizzera italiana in qualità di responsabile in collaborazione con la Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI) e l’Università di Lucerna.

L'importanza di migliorare le competenze digitali è diventata ancor più evidente con l’arrivo della pandemia di COVID-19. Studenti, docenti e collaboratori si sono ritrovati a dover passare all’insegnamento e al lavoro online in maniera continuativa facendo ricorso a conoscenze e competenze già in loro possesso ma non sempre facili da mettere in atto. Si tratta peraltro di conoscenze e competenze che saranno fondamentali anche dopo l’emergenza. Per questo motivo, nell’ambito di un progetto congiunto, l’Università della Svizzera italiana (USI) e la SUPSI in collaborazione con l’Università di Lucerna stanno sviluppando una serie di offerte di formazione e coaching nell’arco di quattro anni, volte a rafforzare le competenze digitali dei membri della comunità universitaria.

 

Un finanziamento di oltre 884'000 Franchi

Il progetto intitolato “Le università come comunità di apprendimento. Il percorso verso la trasformazione digitale” è gestito dall’USI e finanziato da swissuniversities e dalla Conferenza dei Rettori delle università svizzere. Tutto si svolge nell’ambito del programma “P-8: Rafforzare le competenze digitali nell’insegnamento”.

L’importo totale del finanziamento sui quattro anni ammonta a circa 884'000 franchi, che saranno distribuiti tra USI, SUPSI e Università di Lucerna.

Il responsabile del progetto per l’Università della Svizzera italiana è Lorenzo Cantoni, Prorettore per la formazione e la vita universitaria dell’USI. Il progetto sarà coordinato dal Servizio eLab e avrà come referente il Dr. Stefano Tardini.

All'Università di Lucerna il progetto sarà sotto la direzione del Prof. Alexander Trechsel, Vice President Research, mentre per la SUPSI la referente sarà la Prof.ssa Daniela Willi-Piezzi, Direttrice Formazione Base.

“L’USI ha iniziato a fare ricerca nel settore dell’eLearning oltre vent’anni fa partecipando al programma del Campus Virtuale Svizzero, realizzando quattro scuole dottorali, conferenze internazionali sul tema e partecipando a diversi i programmi di digitalizzazione P-8”, ricorda il Prof. Lorenzo Cantoni. “È proprio sulla base di queste esperienze che si è sviluppato l’eLearning Lab dell’USI, che non serve solo la nostra Università ma – come dimostra anche quest’ultimo progetto – è una risorsa di competenze a livello nazionale che offre un’ulteriore opportunità di collaborazione con la SUPSI sul territorio e con l’Università di Lucerna”.

La Prof.ssa Daniela Willi-Piezzi osserva che “per finalità e obiettivi questo progetto si allinea ad altri due programmi a cui la SUPSI partecipa in collaborazione con altre numerose università svizzere, con l’intento di valorizzare le competenze digitali di collaboratrici, collaboratori, studenti e studentesse, favorendo lo sviluppo di strumenti, dispositivi didattici e attività di aggiornamento che sono al contempo a beneficio di realtà professionali del territorio attive nella didattica universitaria. In particolare, questo progetto permette di ampliare le sinergie già esistenti con l’USI in ambito eLearning, di realizzare nuove opportunità di confronto con altre realtà accademiche e di condividere in rete le preziose competenze nell’ambito della didattica universitaria che la SUPSI, grazie in particolare al suo Servizio didattica e formazione dei docenti (SEDIFO), ha maturato negli ultimi 17 anni.”

“Per l'Università di Lucerna, il programma P-8 è una grande opportunità per sviluppare ulteriormente le competenze digitali nell'insegnamento", afferma il Prof. Alexander Trechsel. "L'Università di Lucerna è in prima linea per promuovere l'insegnamento e la ricerca ai livelli superiori: Master, dottorato e post-dottorato. Con il Lucerne Master in Computational Social Sciences (LUMACSS) abbiamo già un programma di Master fortemente incentrato sulle competenze digitali e che ha già beneficiato del programma P-8. Siamo molto lieti di aver instaurato una stretta collaborazione con le nostre istituzioni partner in Ticino".

I vari corsi, progettati e realizzati sia in coordinazione fra i partner che individualmente da parte di ciascuna istituzione, sono rivolti a studenti, docenti, ricercatori e personale amministrativo e scientifico, e si adatteranno alle esigenze dei rispettivi gruppi. Al centro vi sono temi quali l’insegnamento e l’apprendimento online, la sicurezza nel mondo digitale, gli strumenti e i metodi relativi alla raccolta e all’analisi di dati digitali. Gli argomenti saranno proposti in vari formati: corsi accademici, scuole estive, seminari/webinar ed eventi pubblici.

 

Rete internazionale

Tra gli obiettivi del progetto vi è quello di garantire la sostenibilità delle offerte anche dopo il periodo di quattro anni previsto, includendole nelle attività formative regolari. Il progetto è supportato da partner internazionali come l’European University Institute di Firenze e il Berkman Klein Center for Internet & Society presso la Harvard University negli Stati Uniti. Ciò consente uno scambio internazionale e continuo di conoscenze nel campo delle competenze digitali.