Eventi
Maggio
2020

«Quel ramo del lago di Como....»

I bravi (Foto Wikimedia)
I bravi (Foto Wikimedia)

Servizio comunicazione istituzionale

Dopo le cinque lecturae Dantis sulla Commedia, l'Istituto di studi italiani dell’USI inaugura quest'anno un ciclo triennale dedicato ad Alessandro Manzoni e intitolato «Quel ramo del lago di Como…»  Lettura de I promessi sposi. 

Libro fortunatissimo ma poco amato, spesso banalizzato da pigre consuetudini di lettura, I promessi sposi sono, in realtà, un romanzo di straordinaria modernità, l'unico a porsi, nel primo Ottocento, all'altezza dei grandi capolavori della narrativa europea. Allo stesso tempo esso si propone nelle intenzioni stesse dell'autore come un testo "popolare", un «libro per tutti», fatto che lo ha portato ad essere incluso nei programmi scolastici a partire dal 1870, affermandosi come testo identitario per la nuova nazione italiana. 

Il ciclo di letture è iniziato il 27 settembre con una lezione di Salvatore Nigro intitolata “I romanzi di Alessandro Manzoni” e continuerà, come gli scorsi anni, ogni mercoledì alle ore 18.00 nell'Auditorium dell'USI a Lugano. Ad esso prenderanno parte sia ospiti esterni, scelti tra i più autorevoli interpreti manzoniani, sia alcuni dei docenti dell'Istituto di studi italiani dell’USI. Le letture alterneranno l'analisi di specifici capitoli ad approcci di carattere trasversale che prenderanno spunto da personaggi o temi particolari. 

Nell'abbozzo dei cosiddetti Materiali estetici Manzoni aveva dichiarato: «Ogni finzione che mostri l'uomo in riposo morale è dissimile dal vero». Ed è appunto un interno, incessante dinamismo ad animare questo romanzo "polifonico" (Ezio Raimondi), caratterizzato da continui cambi di registro e percorso da un'ironia instancabile: un'opera che non indulge affatto ad una visione del mondo convenzionale e pacificata, ma tende sempre a smascherare le trappole della parola e dell'ideologia del potere. Pochi testi come I promessi sposi attribuiscono alla scrittura letteraria una responsabilità tanto alta: quella di costituirsi come universale strumento di conoscenza, in grado sia di sondare i più profondi misteri del cuore umano, sia di contemplare con lucido rigore le tribolate vicende del vivere associato. 

Per il programma aggiornato degli incontri: www.isi.com.usi.ch/lectura-manzoniana.htm