Gli SDG e l'USI. Pace, giustizia e istituzioni solide

Immagine di Sharon Brogan, https://www.flickr.com/photos/sbmontana/. Licenza: CC BY-NC 2.0
Immagine di Sharon Brogan, https://www.flickr.com/photos/sbmontana/. Licenza: CC BY-NC 2.0

Servizio comunicazione istituzionale

Anno 2017. Sull’onda anche della viralità di un hashtag, #MeToo, l’intera società occidentale si interroga sulla sua effettiva capacità di garantire alle donne diritti fondamentali e giustizia sociale. Anno 2018. Greta Thunberg, 15enne svedese, si rivolge ai leader mondiali dal palco dell’ONU. Complice portata, capillarità e interconnessione globale delle reti di comunicazione, dal web ai social media, diventa l’icona non solo dell’attivismo per l’ambiente, ma, più in generale, di una generazione che chiede ascolto. Due esempi che sembrano confermare il contributo che la comunicazione e le sue nuove forme possono dare verso società più inclusive e partecipative, capaci di dare voce a più persone e di accrescere l’influenza dal basso, di reagire a iniquità e mancanze, di comporle nel segno di giustizia e pace sociale. Ma è proprio così? E, più in generale, la nostra società sta riuscendo a evitare fratture socioeconomiche che ne mettono a rischio la “pace”?

Riflettiamo sull’obiettivo di sostenibilità n. 16, "Pace, giustizia e istituzioni solide", dal punto di vista della comunicazione, dell’architettura e dell’economia urbana con Luca Visconti, Decano della Facoltà di comunicazione, cultura e società dell’USI; Martino Pedrozzi, architetto, docente all’Accademia di architettura dell’USI; Raphaël Parchet e Lorenzo Barisone, rispettivamente Professore e ricercatore alla Facoltà di scienze economiche dell’USI.

Leggi il contributo

 

La serie: #Fucine. Prospettive per forgiare l'oggi e il domani. 

Alcune delle grandi sfide della contemporaneità e il ruolo che la conoscenza può giocare nel comprenderle e affrontarle. In collaborazione con il Corriere del Ticino, in occasione del 25esimo dell'USI partiamo dagli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile dell’ONU (SDG) e proponiamo una serie di dieci contributi in cui, con la guida di esperti USI, presentiamo e riflettiamo sugli ambiti della conoscenza in cui è attiva la nostra Università - architettura, comunicazione, diritto, economia, informatica, medicina e biomedicina, salute pubblica, scienza computazionale, scienza dei dati e studi umanistici - e sul loro ruolo di “fucine” di idee, prospettive e visioni per contribuire a forgiare il presente e il futuro. Ogni appuntamento muoverà da un obiettivo ONU e tre prospettive: una offrirà una fotografia più approfondita, le altre dei “flash” complementari.

Vai alla serie

 

#USI25 #facciamoconoscenza #officinadelsapere #fucine