Eventi
30
Settembre
2024
30.
09.
2024
14
Ottobre
2024
14.
10.
2024
21
Ottobre
2024
21.
10.
2024
28
Ottobre
2024
28.
10.
2024
04
Novembre
2024
04.
11.
2024
11
Novembre
2024
11.
11.
2024

Poeti del Novecento

d019edcec3adbbae520f5768e904ff36.jpg

Istituto di studi italiani

Data: 17 Ottobre 2022 / 18:15 - 19:30

Campus Ovest USI - Auditorium

Uberto Motta (Université de Fribourg)

Tra cielo e terra. Zanzotto verticale e orizzontale

La lettura intende proporre un attraversamento di tutto il corpus poetico di Andrea Zanzotto, dalla prima raccolta, Dietro il paesaggio, del 1951, fino al conclusivo libro, Conglomerati, del 2009, seguendo i due grandi temi che definiscono il campo di investigazione dell’autore: la natura e l’amore, ovvero l’interrogazione perpetua del mondo, a cui, nel tempo e nello spazio, gli uomini infliggono infinite forme di male, e il rovello intorno a ciò che, nonostante tutto, continua forse a rendere la vita sacra e meritevole di essere vissuta. Viene così accostata la complessa questione della religiosità di Zanzotto, nella cui cultura la matrice laica, scientista e illuminista, entra in tensione con le provocazioni e gli enigmi della rivelazione cristiana.
Della poesia di Zanzotto, in particolare, è così identificato ed esemplificato il filone più propriamente elegiaco. Esso domina nelle prime raccolte, che si situano in una zona stilistica ambigua e originale, fra ermetismo, surrealismo ed espressionismo, e viene quindi declinato in modi più spiccatamente tragici nei libri successivi alla svolta degli anni Sessanta. La mercificazione, dominante sull’orizzonte mondano, non soffoca tuttavia e anzi ulteriormente stimola il côté hölderliniano, che risospinge il poeta alla ricerca della scintilla misteriosa della vita che basta a sé stessa.

 

Per ulteriori informazioni: Cicli e incontri dell'Istituto di studi italiani.